Red Oak II, cittadina degli anni Trenta ricostruita: aereo, auto e trattore d'epoca

Route 66 Missouri: il percorso, le tappe, le attrazioni

Route 66 Missouri: da St. Louis a Carthage
Ore di viaggio: circa 5, da suddividere tranquillamente in due giornate

IL PERCORSO, LE TAPPE E LE ATTRAZIONI

Ecco le tappe della Route 66 Missouri che ho fatto e che consiglio.

St. Louis:

  • Al confine tra Illinois e Missouri vale la pena fermarsi al Chain of Rocks Bridge (Riverview Dr, St. Louis), il ponte che attraversa il fiume Mississippi facendo un angolo di 22 gradi. Costruito tra il 1887 e il 1894, oggi il ponte è chiuso al traffico, ma si può attraversare a piedi per tutti i suoi 5.353 piedi (quasi 2 chilometri).

Il ponte Chain of Rocks, Missouri

  • Una volta arrivati a St. Louis, consiglio di raggiungere subito il Gateway Arch. Con i suoi 630 piedi di altezza (circa 192 metri), il Getaway Arch è il monumento costruito dall’uomo più alto degli Stati Uniti. L’arco pesa 17.246 tonnellate e le sue fondamenta si estendono per 60 piedi (circa 18 metri) nella terra. Arrivare in cima fa una certa impressione, considerando che si entra in micro-ascensori rotondi da cinque persone al massimo e che il percorso per arrivare in cima è storto (e ricordo che la struttura è stata fatta negli anni ’40), ma la vista che si ha di tutta la città è impagabile.

Gateway Arch, St. Louis Missouri

Stanton (circa 1 ora e 15 minuti): sulla strada tra St. Louis e Stanton vedrai diversi Motel tipici della Route 66, l’Indian Harvest Trading Post e il Jesse James Wax Museum. Fermati a Stanton per visitare le Meramec Caverns (I-44, Exit 230, Stanton), un sistema di caverne di 7,4 chilometri negli Ozarks e una delle attrazioni della Mother Road dal 1933. Il tour è a pagamento, ma secondo me ne vale la pena.
Meramec Cavern, Missouri

Cuba (circa 30 minuti): un po’ come a Pontiac, anche qui puoi trovare diversi murales disseminati per la città. Girando in macchina, potrai osservare anche Bob’s Gasoline Alley (822 Beamer Ln, Cuba) e the World’s 2nd Largest Rocking Chair – la seconda sedia a dondolo più grande del mondo (5957 Highway ZZ, Cuba). Alta circa 12,83 metri, è stata riconosciuta dal Guinness Book of World Records come la più grande sedia a dondolo al mondo nel settembre del 2008 (oggi è la seconda). Fermati a dormire al Wagon Wheel Motel (901 E Washington Blvd, Cuba), motel storico completamente ristrutturato.
La seconda sedia a dondolo più grande del mondo, Cuba Missouri

Devils Elbow (circa 40 minuti): con una piccola deviazione si può arrivare al Devil’s Elbow Bridge (Teardrop Rd at Big Piney River, Devils Elbow), un vecchio ponte che attraversa il fiume Big Piney River. Il ponte fu costruito nel 1923 ed è ancora in uso.

Lebanon (circa 40 minuti): fermati a fare una fotografia all’insegna neon del Munger Moss Motel (1336 E Rte 66, Lebanon), icona della Route 66 ristrutturata nel 2010 grazie al contributo del National Park Service. Inizialmente situato vicino a Devil’s Elbow Bridge, il Munger Moss Motel era un negozio che faceva panini. Spostato a Lebanon dopo la Seconda Guerra Mondiale, questo motel storico ha iniziato a costruire le sue stanze nel 1946 e, dalle 14 originali, oggi conta 44 camere.

Springfield (circa 55 minuti): eccoti arrivato nella tua seconda Springfield sulla Mother Road. Fermati al Birthplace of Route 66 Roadside Park (1200 W College ST, Springfield), un parco situato in quello che è considerato il luogo di nascita della Route 66, anche solo per fotografare il suo cartello di ingresso. Se sei un appassionato di auto, ti consiglio il Route 66 Car Museum (1634 W College ST, Springfield), una collezione privata di macchine d’epoca iniziata nel 1990 da Guy Mace. Oggi la collezione conta quasi 70 veicoli.

Carthage (circa 1 ora): una delle tappe fondamentali è Red Oak II (Country Loop 122, Carthage), una cittadina degli anni Trenta ricostruita sulla base di quella vecchia da Lowell Dawis. Nel 1987 Lowell iniziò ad acquistare case ed edifici commerciali da Red Oak e cominciò a ristrutturarli. Red Oak II oggi vanta una stazione gas della Phillip, il negozio di un fabbro, l’ufficio dello sceriffo, diversi aerei e macchine di quegli anni e molte strutture d’epoca. Per tornare all’atmosfera della Route 66, fermati al 66 Drive-In Theatre (17231 Old 66 Blvd, Carthage), un drive-in perfettamente funzionante dal 1949, e al Boots Court Motel (107 S Garrison Ave, Carthage), storico motel in stile Art Deco costruito nel 1939 e completamente ristrutturato.

  • bridge-browser-top
  • bridge-browser-top
  • bridge-browser-top
  • bridge-browser-top
  • bridge-browser-top

    HAI ALTRI CONSIGLI DA DARE A CHI È IN PARTENZA PER LA ROUTE 66 IN MISSOURI? LASCIALI QUI SOTTO NEI COMMENTI OPPURE COMMENTA SUI SOCIAL UTILIZZANDO L’HASHTAG #BLACKSHEEPINMILAN 🙂

    Annunci
    Flavia Piantino Gazzano
    flavia.gazzano@gmail.com

    Digital enthusiast and growth hacker, with a strong passion for new technologies, social media and PR. She uses strategic communication as a strong asset in her life and has a creative approach to problem solving.

    No Comments

    Rispondi

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.